Lettura:
Agevolazioni e incentivi per B&B e case vacanze in Italia (2022)
Agevolazioni per aprire un bed and breakfast

Agevolazioni e incentivi per B&B e case vacanze in Italia (2022)

Avresti voglia di aprire una struttura ricettiva, una casa vacanze o un bed and breakfast, ma sei frenato dai costi. Oppure hai già una struttura che, con un po’ di aiuto, diventerebbe proprio un bel b&b, ma sfortunatamente non hai fondi da investirvi e non sai a chi rivolgerti.

L’Italia è piena di situazioni come queste. Paese turistico per eccellenza, ogni nostra regione potrebbe sicuramente giovarsi di un numero più alto di strutture alternative a quelle alberghiere, che offrano qualcosa di diverso in termini di accoglienza e di prezzo e che consentano uno sviluppo turistico anche di quelle zone che al momento sono fuori dalle rotte del turismo di massa.

Ci sono buone notizie, fortunatamente. Il Covid-19, oltre ad aver apportato parecchi problemi a molte categorie di persone, ha anche permesso l’arrivo di una serie di finanziamenti per aprire un B&B e di incentivi per case vacanze. Anche nel settore dell’ospitalità, e soprattutto per i giovani e per le donne.


Non vedi il modulo per scaricare il nostro business plan per b&b? Clicca qui.

Agevolazioni da regioni e province

Prima di andare a vedere cosa c’è a livello nazionale, conviene informarsi su quali siano i finanziamenti a fondo perduto offerti da regioni, province, comuni e anche camere di commercio. Quasi ogni regione ha i suoi incentivi per case vacanze o finanziamenti per aprire un b&b, proprio come ogni regione ha il suo proprio regolamento in merito..

Il consiglio è quindi di armarsi di pazienza e navigare il sito della propria regione, provincia o comune, in modo da capire se si rientra nelle categorie di coloro che possono accedere agli eventuali finanziamenti.

Incentivi per b&b

Se non trovi niente, o trovi solo accenni, prendi il coraggio a due mani e vai in comune o in regione di persona: di solito si ottiene molto di più in questo modo, perché si dimostra un interesse concreto che viene sempre apprezzato dagli impiegati o dai responsabili, che a volte sono stufi di fornire informazioni per telefono o per email a persone che cercano più per curiosità che per reale interesse.

Attenzione: prendi sempre un appuntamento, prima di andare. Molti impiegati preferiscono infatti ricevere su appuntamento in modo da evitare assembramenti, in un momento in cui c’è ancora molta attenzione al Covid e ai suoi rischi.

Alcune regioni, come Toscana, Lombardia e Sicilia, offrono sicuramente finanziamenti specifici per B&B, quindi vale la pena fare un tentativo.

Normalmente, gli enti locali chiederanno diversi documenti a cui appoggiarsi per effettuare una valutazione: mappe catastali dell’immobile, business plan, atto costitutivo della società.

Sì, è bene sottolinearlo: si può accedere a finanziamenti o sovvenzioni solo se si è una società o si ha la partita IVA. Gli incentivi b&b possono essere richiesti solo se il bed and breakfast o casa vacanze la gestisci professionalmente. La gestione occasionale è incompatibile con la richiesta di incentivi per b&b o sovvenzioni casa vacanze.

La richiesta dei documenti è comunque comune a tutti gli enti a cui andrai a chiedere agevolazioni per aprire un bed and breakfast, incentivi per case vacanze, sovvenzioni b&b, ma anche un prestito o un mutuo, siano regioni, comuni, stato o banche… non potrai cavartela senza una cospicua fornitura di documentazione varia.

Il portale dei contributi

Sicuramente, il sito dove cercare i finanziamenti in prima istanza è quello di Invitalia. Invitalia, ufficialmente Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A., è un’agenzia governativa italiana costituita nel 2008 come società per azioni e partecipata al 100% dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Finanziamenti per aprire un b&b

Al momento, i bandi che possono essere utilizzati anche per finanziare i b&b o le case vacanza riguardano soprattutto le regioni del Sud Italia, ma vi sono anche opportunità interessanti un po’ per tutti.

Vale la pena di visitare il portale di Invitalia per capire la quantità di opportunità presenti in questo momento. Quasi tutti i bandi prevedono la presentazione online delle domande.

Cultura Crea

All’11/02/2022 sono ancora disponibili 50 milioni di euro per questo incentivo Cultura Crea che sostiene “la nascita e la crescita di imprese e iniziative no profit nel settore turistico-culturale” in 5 regioni del Sud Italia: Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia). Promosso dal Ministero della Cultura (MIC) e gestito da Invitalia in attuazione del PON FESR “Cultura e Sviluppo” 2014-2020 (Asse Prioritario II), Cultura Crea offre contributi a fondo perduto e mutuo agevolato (entrambi fino al 40% della spesa e fino al 45% per le donne e i giovani) per startup, imprese consolidate, imprese sociali o reti d’impresa.

Resto al Sud

Resto al Sud sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria), nelle isole minori marine, lagunari e lacustri del Centro-Nord.

Incentivi per casa vacanze

L’incentivo è destinato a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 55 anni. I fondi disponibili ammontano a 1 miliardo e 250 milioni di euro. In questo caso non ci sono bandi, scadenze o graduatorie: le domande vengono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo.

Sono finanziabili anche attività legate al turismo, escluse le attività agricole (quindi non gli agriturismo). Resto al Sud copre fino al 100% delle spese, con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci.

Per le sole imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è pari a 60.000 euro.

A supporto del fabbisogno di circolante, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto:

  • 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale
  • fino a un massimo di 40.000 euro per le società

Il contributo viene erogato al completamento del programma di spesa, contestualmente al saldo dei contributi concessi.

Possono essere finanziate le seguenti spese:

  • ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa)
  • macchinari, impianti e attrezzature nuovi
  • programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione
  • spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa

Non sono ammissibili le spese di progettazione e promozionali, le spese per le consulenze e per il personale dipendente.

Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono così composte:

  • 50% di contributo a fondo perduto
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia

Oltre nuove imprese – ON

Oltre nuove imprese – ON non è specifico per b&b e case vacanza ma, essendo riservato ai giovani e alle donne di tutte le età, può essere comunque interessante per chi voglia lanciarsi in una nuova attività. Oltre Nuove imprese a tasso zero si rivolge alle micro e piccole imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, su tutto il territorio nazionale.

Sono ammissibili le imprese composte per almeno il 51% da giovani under 35 e da donne di tutte le età. La maggioranza si riferisce sia al numero di componenti donne e/giovani presenti nella compagine sociale sia alle quote di capitale detenute.

Accedono al finanziamento le imprese costituite entro i 5 anni precedenti con regole e modalità differenti a seconda che si tratti imprese costituite da non più di 3 anni o da imprese costituite da almeno 3 anni e da non più di 5.

Anche le persone fisiche possono presentare domanda di finanziamento, con l’impegno di costituire la società dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Nuovo SELFIEmployment

Anche questo bando non è destinato specificamente al comparto turistico, ma è interessante per le potenzialità che offre a chi – senza lavoro e alla ricerca di un’occupazione, e magari con una casa con due o tre camere a disposizione – vuole tentare la strada del b&b.

Sovvenzioni per aprire un b&b

ll Nuovo SELFIEmployment, operativo dal 22 febbraio 2021, finanzia con prestiti a tasso zero fino a 50.000 euro l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da NEET (Not in Education, Employment or Training) donne inattive e disoccupati di lungo periodo, su tutto il territorio nazionale. L’incentivo è gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, sotto la supervisione dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL).

L’incentivo è rivolto ai NEET, donne inattive e disoccupati di lunga durata con una forte attitudine al lavoro autonomo e all’imprenditorialità e che hanno voglia di mettersi in gioco.

Per poter accedere al finanziamento bisogna essere residenti nel territorio nazionale e appartenere a una delle seguenti categorie:

Persone maggiorenni che al momento della presentazione della domanda:

  • si sono iscritti al programma Garanzia Giovani entro il 29esimo anno di età
  • non sono impegnati in altre attività lavorative e in percorsi di studio o di formazione professionale
  • donne inattive, vale a dire donne maggiorenni che al momento della presentazione della domanda non risultano essere occupate in altre attività lavorative
  • disoccupati di lunga durata, vale a dire persone maggiorenni che al momento della presentazione della domanda:
  • non risultano essere occupati in altre attività lavorative
  • hanno presentato da almeno 12 mesi una dichiarazione di disponibilità al lavoro (DID)

N.B. Le donne inattive e i disoccupati di lunga durata non necessitano di essere iscritti a Garanzia Giovani.

Possono chiedere i finanziamenti:

imprese individuali; società di persone; società cooperative/cooperative sociali, composte al massimo da 9 soci:

  • costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive.
  • Non ancora costituite, a condizione che vengano costituite entro 90 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.
  • Associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive

I mutui con la banca

Se non riesci proprio a trovare un bando che faccia per te e la tua situazione, e se l’importo che ti serve per partire o per ristrutturare l’appartamento è limitato, intorno ai 20.000 euro, ti converrà chiedere alla banca un prestito personale piuttosto che un mutuo: meno spese e durata massima di 10 anni.

Incentivi per costruire un b&b

Se l’importo che ti serve è più alto, meglio optare per un mutuo ipotecario, soprattutto se hai la fortuna di avere già una struttura che vorresti trasformare in bed and breakfast o casa vacanza e ti trovi quindi nella posizione di proprietario di immobile. Di solito la banca concede mutui a chi è proprietario di un immobile (e può dimostrare di avere un reddito fisso, naturalmente), perché questo funge da garanzia del prestito. I mutui hanno interessi più bassi rispetto ai prestiti personali e durate anche molto maggiori. Tra l’altro, vi sono mutui che permettono, in caso di difficoltà economiche temporanee, di saltare una rata o di posticiparla.  È vero, prevedono sicuramente costi maggiori (basti pensare all’atto notarile per la stipula del mutuo) ma vi sono agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni di immobili.

In conclusione…

Se hai voglia di informarti e di darti da fare, qualche finanziamento lo trovi di sicuro. Il problema, come per tutte le sovvenzioni a livello statale (ma anche regionale e comunale!) è la burocrazia, che a volte potrebbe sembrarti insormontabile. Ma ricevere incentivi per casa vacanze val bene lo sforzo! Fortunatamente, almeno le domande si fanno online, ora: tutto tempo e viaggi a vuoto risparmiati.

Prima di lasciarti alle tue ricerche, da’ un’occhiata anche a questo portale, fatto per le startup proprio nel settore del turismo. Incentivi e finanziamenti, ma anche corsi e formazione per creare qualcosa di innovativo nel comparto turistico.


Non vedi il modulo per scaricare il nostro business plan per b&b? Clicca qui.

Vuoi ricevere più prenotazioni dirette?

Zero costi di attivazione. Zero commissioni. Zero obblighi. Prova Lodgify gratis per 7 giorni.