Lettura:
Certificato di agibilità per case vacanze: guida definitiva (2022)
¿Qué es la cédula de habitabilidad?

Certificato di agibilità per case vacanze: guida definitiva (2022)

Se sei nuovo nel settore delle case vacanze, probabilmente avrai sentito parlare del certificato di agibilità, un documento necessario se vuoi che la tua casa vacanze possa accogliere ospiti ed essere pubblicata sui tanti siti come Airbnb che puoi trovare online.

Ci sono infatti tanti documenti che devono essere richiesti quando si pensa a una casa vacanze e questo, è sicuramente uno dei più importanti. Alcune persone potrebbero infatti decidere di affittare una casa abusiva su qualche marketplace che non applica alcun controllo, pensando, in questo modo, di potere andare avanti per molto tempo.

La verità è che, prima o poi, tutti o quasi si trovano a dover fare i conti con la legge e dover pagare anche per la mancata presentazione della documentazione nel passato.


Non vedi il modulo per scaricare il nostro business plan? Clicca qui.

In questa guida abbiamo deciso di parlare di questo documento, vedere come funziona, il suo prezzo e le casistiche in cui è richiesto per legge, in modo da non lasciarti alcun dubbio a riguardo. Iniziamo subito e non perdiamo tempo!

Come funziona il certificato agibilità

Il documento di agibilità funziona in modo piuttosto semplice, attestando se, una proprietà, può essere adibita a uso abitativo e – pertanto – affittata come casa vacanze. Se vivi in una casa di proprietà, forse non ne sei a conoscenza, ma casa tua ha ottenuto questo certificato.

certificato di agibilità

A volte, tuttavia, per via di alcune riforme o case molto vecchie, potrebbe essere richiesto un certificato aggiornato in modo da soddisfare i nuovi requisiti sulla agibilità della proprietà. Andiamo a vedere qualche dettaglio su questo certificato, partendo dal suo costo.

Certificato di agibilità costo aggiornato

Vuoi sapere quanto costa il certificato di agibilità nel 2022? Beh, non dovrai preoccuparti del costo di questo documento, in quanto si aggira sui 150 euro per i diritti di segreteria, oltre a due marche da bollo da 16 euro.

Le due marche da bollo serviranno una per la richiesta e una per il suo ritiro. Inoltre, il costo di 150 euro potrebbe leggermente cambiare a seconda del comune in cui ti trovi e nel quale fai la richiesta.

Il costo è relativamente basso e non cambia a seconda delle dimensioni della proprietà. Diciamo che si tratta di un costo che dovresti preventivare prima di acquistare un qualsiasi proprietà da mettere a nuovo.

Passiamo ora al come fare la richiesta di questo certificato se non lo hai mai fatto e non hai idea di come iniziare, in modo da aprire un B&B o casa vacanze in piena regola e senza rischiare alcuna multa da parte del tuo comune!

Come richiedere il certificato di agibilità

Hai intenzione di mettere le carte in regola e vuoi richiedere un certificato di agibilità? Bene, per farlo dovrai recarti allo sportello unico dell’edilizia del tuo comune, o quello in cui si trova la proprietà per la quale vuoi richiedere il certificato.

come richiedere certificato di agibilità

Ricorda però che esiste una regola. Come abbiamo detto, questo documento va richiesto dopo una ristrutturazione per verificare che tutto sia a posto. La domanda per richiedere il certificato di agibilità deve essere effettuata entro 15 giorni dalla conclusione dei lavori di ristrutturazione.

La procedura è relativamente semplice ma, a seconda del comune in cui farai la richiesta, potrebbe essere necessario prendere appuntamento. È sempre bene chiamare prima di recarsi di persona a questo ufficio.

Chi rilascia il certificato di agibilità

Come abbiamo visto qua sopra, si occupa lo sportello unico dell’edilizia a rilasciare questo documento. Ci sono tuttavia tanti studi indipendenti che offrono il servizio per l’ottenimento di questo documento, senza che dovrai recarti di persona al comune per fare la richiesta.

Questa richiesta non impiega comunque troppo tempo e ti consiglio di farlo da te, in quanto non occuperà troppo tempo. In alternativa puoi anche parlare con il tuo commercialista se credi possa semplificarti le cose.

Diciamo che questa è una parte fondamentale del processo di aprire una casa vacanze, in quanto ti consentirà di avviare in tutto e per tutto la tua attività.

Da quando è obbligatorio il certificato di agibilità

Dal 30 Giugno del 2003 è obbligatorio per ogni proprietà, sia nuova che ristrutturata, avere questo documento prima di entrare a vivere in una casa o metterla in affitto sui siti per vacanze a breve termine.

da quando è obbligatorio il certificato di agibilità

Ti consiglio di controllare di avere questo documento insieme ai documenti della tua proprietà, in modo da evitare qualsiasi multa nel caso in cui ci fosse un controllo. Nel caso in cui avessi problemi, dovresti parlarne con il tuo commercialista.

Ci sono infatti numerosi proprietari di case, soprattutto quelle locate nelle zone rurali, che vivono nell’inconsapevolezza di non avere un certificato di agibilità in regola e, pertanto, non poter accettare ospiti.

Scadenza del certificato di agibilità

La buona notizia è che il certificato di agibilità non scade ma, nel caso in cui vengano fatte ristrutturazioni, ricostruzioni o sopraelevazioni, anche se parziali, questo documento dovrà essere richiesto nuovamente.

Molto spesso si dovrà recare un architetto sul posto per verificare l’esecuzione dei lavori e valutarne il loro stato prima di dare semaforo verde e consegnare il documento al proprietario della struttura o dell’affittacamere nel caso ne ristrutturassi uno.

L’entità e dimensione del lavoro di ristrutturazione per il quale è richiesto un nuovo documento di agibilità può cambiare da comune a comune, a seconda delle leggi locali. Ti consigliamo pertanto di telefonare allo sportello unico dell’edilizia per chiedere informazioni.

Ricorda che spesso questo ufficio è aperto solo mezza giornata, pertanto ti consigliamo di chiamare la mattina.

Case vacanze e certificato di agibilità

A questo punto dovresti capire il perché, questo certificato agibilità, è richiesto e obbligatorio dal 2003. Prima di quella data non era infatti richiesto e c’era un abusivismo piuttosto esteso, soprattutto in alcune parti d’Italia meridionale.

casa vacanze certificato di agibilità

Con l’aumento degli affitti vacanze brevi e la nascita di alcune piattaforme come Airbnb o Booking dove anche i privati possono mettere in affitto la propria struttura, era necessario creare un qualcosa che certificasse l’agibilità di un immobile.

Questo documento è stata la risposta a questa necessità, ora obbligatorio per tutte le strutture, ricettive e non, unificandone lo scopo, la funzione e l’obbligo di acquisizione. Passiamo ora a una domanda scottante.

Esistono case vacanze senza agibilità?

Sicuramente. Come in ogni gruppo c’è sempre una pecora nera, anche in Italia esistono persone che hanno case vacanze senza agibilità. Queste persone però rischiano una multa dai 500 ai 2000 euro, oltre alla chiusura immediata dell’attività.

Alcune ragioni, come per esempio l’Abruzzo, permettono di mettere una casa a norma entro 30 giorni per evitare l’applicazione e il pagamento delle sanzioni.

Noi ti consigliamo di mettere ogni documento in regola ancora prima di considerare di pubblicare la tua proprietà sui siti di vacanze o accogliere persone nella tua struttura per affitto breve, in modo da evitare problemi.

Documento richiesto dai siti di prenotazione

I siti di prenotazione vanno a pari passo con le leggi delle diverse nazioni, anche in Italia. Alcuni di questi, soprattutto quello a carattere internazionale come Airbnb, Booking o HomeAway, ti chiederanno la presentazione dei documenti prima di pubblicare la tua proprietà nel loro sito.

casa vacanze senza agibilità

Questo viene fatto in quanto vogliono assicurarsi che, la tua proprietà, abbia tutte le carte in regola e nessuna delle parti coinvolte – inclusi loro – possano prendersi una multa nel caso di violazioni.

È molto comune per queste piattaforme richiedere anche la copia del certificato di agibilità per dimostrare che la tua proprietà può essere usata a questo scopo ed è pronta ad accogliere clienti.

Pensiero finale su questo certificato

La sicurezza di una struttura, soprattutto se usata per affitto a breve termine, è un fattore molto importante. Nonostante si tratti di un documento che viene richiesto una volta ultimata una struttura o ristrutturazione, dovresti tenere a mente questo dettaglio in ogni momento.

Dopotutto, tu, avrai successo con la tua proprietà solo se questa avrà successo con i tuoi ospiti, i quali ti lasceranno delle buone recensioni giorno dopo giorno.

Avere tutte le carte in regola e potersi assicurare che i tuoi ospiti possano passare un bel soggiorno, in un luogo sicuro, senza rischi e conforme per legge, è sicuramente un buon primo passo per iniziare con questa avventura.


Non vedi il modulo per scaricare il nostro business plan? Clicca qui.

Vuoi ricevere più prenotazioni dirette?

Zero costi di attivazione. Zero commissioni. Zero obblighi. Prova Lodgify gratis per 7 giorni.