Stai Leggendo
Guesty acquista Kigo: come potrebbe influenzare i suoi utenti?
Guesty compra Kigo

Guesty acquista Kigo: come potrebbe influenzare i suoi utenti?

La frenesia di acquisto di Guesty sembra non avere fine. L’azienda tecnologica di Tel Aviv ha annunciato pochi giorni fa l’acquisizione di altri due concorrenti nel settore dei software per le case vacanza, la spagnola Kigo e la australiana HiRUM.

Non è la prima volta che Guesty fa notizia per le sue abitudini di acquisto. Lo scorso agosto è balzata agli onori della cronaca per aver acquisito il controllo di Yield Planet, uno strumento di gestione delle entrate per gli hotel che aveva il potenziale per diventare un suo concorrente nel medio termine.

Tuttavia, l’operazione di maggior rilievo è avvenuta un anno fa, quando Guesty ha acquisito la società olandese Your Porter App (da allora ribattezzata Guesty for Hosts). L’acquisto, avvenuto poche settimane dopo che anche Guesty ha preso il controllo di MyVR, è stato il più grande segnale fino ad oggi delle ambizioni dell’azienda di dominare il mercato dei software per le case vacanza.


Quali conseguenze potrebbero avere i piani di Guesty per il mercato dei software per le case vacanza, da un lato, e per i clienti di Kigo, dall’altro? Continuate a leggere per scoprirlo.

Migrazione forzata

Quando l’azienda acquisisce un’altra, possono accadere due cose.

La prima è che tutto continui senza grandi cambiamenti al di là del nuovo proprietario; la seconda è che l’azienda acquirente decida di assorbire l’azienda acquisita e i suoi clienti debbano iniziare a utilizzare un nuovo prodotto con piani più costosi di prima.

Finora, Guesty ha quasi sempre optato per la prima opzione, anche se non è stata una decisione molto positiva nemmeno per gli ex utenti. Your Porter App sembra languire senza grandi cambiamenti da quando è stata acquistata da Guesty, il che non garantisce necessariamente un ottimo futuro per Kigo.

Possibile calo della qualità

D’altra parte, vale la pena notare che la strategia di Guesty potrebbe finire per tradursi in un software di qualità inferiore per gli utenti di Kigo.

Una delle notizie più chiacchierate dell’ultimo mese è stata l’acquisto da parte di Adobe della piattaforma di progettazione collaborativa Figma. Dopo che le informazioni sono state rese pubbliche, i social media sono diventati un focolaio di opinioni, con la maggior parte degli utenti che hanno espresso il timore che il prodotto potesse peggiorare.

Opiniones Guesty

La verità è che queste ipotesi non sono infondate: ci sono centinaia di esempi di piccole aziende che, dopo l’acquisizione da parte di una grande società, cessano di essere ciò che erano. In realtà, si tratta di pura logica: se un’azienda spende milioni per rilevare i suoi rivali, il suo primo ordine di attività subito dopo sarà quello di compensare l’esborso in un modo o nell’altro.

Come abbiamo già detto, una possibilità è quella di aumentare i prezzi. L’altra? Riduzione della spesa, che spesso è sinonimo di riduzione della qualità.

Il feedback degli ex utenti di Your Porter App, acquisita nel 2021 da Guesty, parla da sé. Daniel, un host dalla Norvegia, ha lasciato la sua recensione su Trustpilot:

“Quando Guesty ha acquistato Your Porter App, circa un anno fa, Porter era un channel manager piccolo, economico e fai-da-te, e sono sempre stati veloci nel rispondere a qualsiasi domanda.

Guesty sta lasciando morire la “nuova” Guesty for Hosts. L’app si blocca in continuazione e bisogna chiuderla, si carica molto lentamente e da tempo non aggiungono nuove funzioni. È ora che passi a un altro channel manager, sicuramente non Guesty”.

Cambiamenti nel servizio clienti

Un buon team di assistenza clienti deve conoscere il vostro prodotto come le sue tasche. Questo è ancora più vero per i software avanzati come i channel manager.

Atención al cliente Kigo

Se Guesty decide finalmente di rilevare Kigo, gli utenti del software potrebbero dover affrontare un team di assistenza clienti completamente nuovo, che non avrà la stessa esperienza di chi lavora con il prodotto da anni.

Inoltre, il servizio clienti di Guesty non è noto per essere uno dei suoi punti di forza, cosa che potrebbe essere trasferita a Kigo se decidesse di applicare gli stessi metodi.

Per esempio, Guesty fa pagare 3.000 euro per il suo servizio di onboarding, che è completamente gratuito con altri software del settore, come Lodgify. L’azienda israeliana, inoltre, non offre dimostrazioni personalizzate dei prodotti: l’unica alternativa disponibile sono i webinar di gruppo, il cui orario potrebbe non essere comodo per tutti.

Meno innovazione

Sappiamo tutti come si comportano le grandi aziende tecnologiche di fronte ai nuovi concorrenti. Facebook (ora Meta) ha costruito il suo attuale impero acquistando altri social network che minacciavano di rompere il suo monopolio, come Instagram o WhatsApp, ma lo stesso si può dire di Amazon (Goodreads, Twitch, Whole Foods) o Microsoft (Hotmail, Linkedin, Skype), solo per citarne alcuni.

Innovación Guesty

Sebbene sia una pratica legittima, non si può negare che scoraggi l’innovazione: perché creare un’alternativa al nuovo prodotto quando è più facile acquistare l’azienda in questione? Crescere per acquisizione è una decisione razionale, ma si traduce in un mercato meno competitivo, a scapito degli utenti.

Un’industria con poca concorrenza significa un’industria stagnante con meno scelta, in cui la scelta del consumatore soffre e le aziende hanno sempre meno incentivi a migliorare il loro prodotto. Questo si traduce solitamente in prezzi più alti.

Fortunatamente, il settore dei software per le case vacanza dispone oggi di un ampio ecosistema di alternative, come Lodgify, ma la strategia di Guesty minaccia di sconvolgere questo delicato equilibrio, almeno a lungo termine.

Prodotto meno coesivo

Alcune voci del settore hanno pensato che la strategia di acquisto di Guesty possa essere motivata dal desiderio di ampliare tutte le funzionalità degli strumenti che si stanno acquisendo nel proprio software. Tuttavia, questo modus operandi presenta un problema.

Il rischio maggiore che Guesty, e di conseguenza i suoi clienti, corrono con questa strategia è quello di ritrovarsi con un prodotto “Frankenstein”, composto da un mucchio di pezzi diversi che si incastrano a malapena tra loro.

Non solo, ma le funzioni che piacevano di Kigo potrebbero non essere più disponibili una volta integrate con Guesty o, peggio ancora, potrebbero diventare extra a pagamento. Quando si utilizza uno strumento così complesso come un software per case vacanza, è sempre più sicuro optare per un prodotto progettato da zero da un unico team.

Possibile aumento delle tariffe

Una delle più antiche strategie commerciali è quella di mettere all’angolo il mercato e poi aumentare i prezzi. Non c’è bisogno di andare all’estero per vedere alcuni casi: Coop vi ricorda qualcosa?

Recuperación del sector del alquiler vacacional

La catena di supermercati Romana è passata da un fatturato di 12.900 milioni di euro nel 2010 a 14.4 milioni di euro nel 2020, secondo Distribuzione Moderna, il che le ha permesso di diventare una delle scelte preferita dagli Italiani e non (grazie a Eataly), con un 12,5% di cuota di mercato.

Purtroppo, dall’inizio dell’anno, Coop ha guidato anche la classifica degli aumenti di prezzi, che in alcuni casi ha sfiorato in media il 50%. Anche se l’inflazione attuale ha avuto molto a che fare con questo fenomeno, la tendenza era già visibile qualche anno fa.

Non esiste una vera e propria soluzione a questo fenomeno, diffuso in tante nicchie di mercato.

Conclusioni

Gli impulsi di acquisto di Guesty potrebbero rappresentare una minaccia per la salute dell’industria dei software per casa vacanze, ma anche per gli utenti di Kigo, che potrebbero vedere il loro software preferito aumentare di prezzo o essere integrato in Guesty.

Se non volete aspettare per vedere se questi cambiamenti avvengono, perché non provare un’alternativa? Lodgify è una piattaforma all-in-one che vi permette di creare il vostro sito web di alloggi, di gestire la vostra presenza su Airbnb, Booking.com, Expedia e Vrbo da un unico posto e di ottenere prenotazioni dirette senza commissioni.

Lodgify è il software perfetto per i proprietari che hanno appena iniziato a operare nel settore, ma anche per i gestori o gli amministratori di 6-30 strutture ricettive con esigenze più avanzate. Unisciti a Lodgify e approfitta di una demo personalizzata del nostro software, di sessioni di onboarding gratuite, di un’assistenza telefonica 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e di uno strumento realizzato da e per i professionisti del settore.

Cosa si può chiedere di più? Richiedete oggi stesso la vostra demo di Lodgify e scoprite perché siamo uno dei software per case vacanza più riconosciuti.


What do you think about this article?

5/5 - (1 vote)
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ready to take more direct bookings?

No set up fees, no credit card details, no obligation. Try Lodgify free for 7 days.