Lettura:
Turismo dei borghi: un trend in crescita che genera opportunità per le case vacanze

Turismo dei borghi: un trend in crescita che genera opportunità per le case vacanze

Lo scorso mese di novembre è stato eletto, indiretta TV, il Borgo dei Borghi, ovvero il vincitore assoluto della competizione tra i Borghi più belli d’Italia. Quest’anno il primo posto è andato a Petralia Soprana, piccolo comune della Sicilia, che è giunto in finalissima assieme a Subiaco (Lazio), Mel (Veneto) e Guardiagrele (Abruzzo).

Questi piccoli centri, al pari di tutti gli altri facenti parte della famiglia dei Borghi più belli d’Italia, potrebbero risultare poco conosciuti ai più, eppure stanno diventando sempre più oggetto di interesse da parte di turisti italiani e stranieri.

Quale migliore occasione, dunque, per analizzare lo stato attuale di questa tendenza in crescita e ricavarne qualche suggerimento per i proprietari di case vacanze situate proprio in questi meravigliosi e caratteristici luoghi, considerati veri e propri musei all’aria aperta.

Un trend in crescita

Secondo studi recenti, condotti sui dati del 2017, il turismo nelle aree rurali, di cui i borghi sono il centro nevralgico, hanno fatto registrare un incremento del 3,9% rispetto al 2016. La crescita delle presenze è stata del 6%, con un incremento di 24 milioni di pernottamenti.

In generale, stando ai dati della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il turismo dei borghi si è accaparrato il 36% delle presenze turistiche del 2017. Nei primi mesi del 2019 sapremo se, com’è verosimile pensare, i dati relativi al 2018 confermeranno questa tendenza.

Anche Airbnb ha deciso di dedicare un report allo sviluppo del turismo nelle aree rurali, prendendo in esame il periodo che va da settembre 2016 a settembre 2017 e decretandone la crescita: i 30 mila annunci di proprietà situate nei borghi hanno mosso un fatturato di circa 80 milioni di euro e oltre 540 mila viaggiatori nel periodo preso in considerazione.

Chi sono i turisti dei Borghi

A dispetto di ciò che si potrebbe pensare, il turismo dei borghi appare quanto mai diversificato.

Se un tempo era appannaggio di chi andava a colpo sicuro perché magari conosceva una determinata località (il caso più tipico è quello del paese natale dei nonni o dei genitori) o gli era stata consigliata da amici e parenti, nell’era di Internet le cose sono cambiate.

Giovani

Vuoi perché dediti all’escursionismo, vuoi perché alla ricerca di siti archeologici e centri culturali da scoprire, sempre più giovani si mostrano curiosi di esplorare la propria regione e il proprio Paese, soprattutto on the road.

Appassionati di enograstronomia

Gli appassionati di enogastronomia sono sicuramente uno dei target di riferimento per i proprietari di case vacanze situate nei piccoli centri. La maggior parte dei comuni appartenenti ai Borghi più belli d’Italia, infatti, rappresenta l’eccellenza della tradizione alimentare italiana, basti pensare alle lenticchie di Castelluccio di Norcia, al tartufo di Alba, alla tradizione casearia della Sardegna e così via.

Se la tua casa vacanze si trova in una zona famosa per una pietanza, una materia prima o un evento enogastronomico importante, è proprio su questo che dovresti puntare!

Viaggiatori con budget ridotto

Non è da sottovalutare anche il lato economico: con un budget contenuto si possono creare esperienze divertenti che nulla hanno da invidiare alle vacanze all’estero. Molti viaggiatori optano di frequente per una vacanza italiana, anziché barcamenarsi tra aerei, hotel e spostamenti in città estere. Anche perché va ricordato che, per visitare questi posti, spesso distanti da grandi centri, quasi sempre è necessario avere una macchina o affittarla, il che può rappresentare un risparmio rispetto ad altri mezzi di trasporto, oltre che un guadagno in termini di flessibilità.

Chi fugge dalla routine

Inoltre, chi non ha desiderato l’arrivo del weekend (meglio se lungo) per poter fuggire dalle grandi città e trovare un po’ di pace in una cascina in collina o in una villetta in riva al mare? E dunque, tra i tuoi possibili ospiti non ci sono solo vacanzieri, ma anche chi di tanto in tanto escogita di scappare da ritmi esagerati! Se pensi che la tua casa possa offrire il giusto grado di “isolamento” dalla quotidianità, faglielo sapere. Attraverso Instagram, ad esempio.

Stranieri

Ed infine, non dimenticare i turisti stranieri, sempre più spesso alla ricerca dei tesori nascosti dell’Italia. Suggerimento: anche se la tua attività si trova in un piccolo borgo non vuol dire che sia esente dalla necessità di un sito multilingue, al contrario!

Insomma, come avrai notato, il turismo dei borghi è potenzialmente attrattivo per chiunque, basta solo trovare i punti di forza del tuo borgo, che inevitabilmente saranno anche tra quelli della tua casa vacanze, e dare vita a qualche attività di marketing che permetta a tutti di conoscerlo.

Cosa puoi fare per valorizzare la tua casa nel borgo

Territorio e comunità

Nel concreto, un’ottima idea per attirare i turisti in cerca di aree poco conosciute e tutte da scoprire, è quella di unire le forze con le altre attività locali. Mai sentito parlare di promozioni incrociate (o cross marketing)?

Grazie alla collaborazione e promozione reciproca tra proprietari, enti locali, ristoranti, attività commerciali, potrai contribuire alla notorietà del tuo territorio e godere tu stesso dei benefici da esso derivanti.

Se, come accennato, il tuo borgo è già abbastanza noto per un evento, una fiera, una sagra, o anche solo per un prodotto (pensa alla pietra della Majella dei borghi abruzzesi o alla pasta all’amatriciana di Amatrice), puoi pensare a delle campagne di marketing o promozioni a tema: percorsi di degustazione, escursioni con guide specializzate, workshop di cucina o di lavorazione della ceramica…le possibilità sono davvero infinite.

Social media

Sui tuoi profili social puoi pensare di condividere l’esperienza dell’anno precedente, con una piccola descrizione sulla partecipazione e riuscita di un evento. Sulla pagina Instagram, ad esempio, puoi creare degli Highlights, affinché in qualunque momento i potenziali ospiti possano accedere a quei contenuti e saperne di più.

Tieni presente che tanti borghi o destinazioni non troppo conosciute, in Italia e non, hanno vissuto un vero e proprio boom grazie ad Instagram: cercando immagini con l’hashtag #borghiitalia o #borghiitaliani tu stesso potrai scoprire posti nuovi. E ovviamente non dimenticare di aggiungere questi hashtag ai tuoi contenuti assieme alla geolocalizzazione!

Interior design

Anche il design e lo stile della tua proprietà sono importanti: conferisci dei tocchi personalizzati che richiamino la zona geografica o le tradizioni del territorio. Un appartamento senza personalità, con mobili aggiunti alla rinfusa e senza  un criterio non rimarranno impressi ai viaggiatori in cerca di alloggio. Se la tua casa vacanze si trova a Polignano a Mare potresti sbalordirli con ceramiche dai colori del mare; se invece la tua casa è situata in un borgo di montagna, oggetti in legno in stile baita accogliente, invoglieranno di certo a prenotare.

Albergo diffuso

Questo nuovo concetto di turismo sostenibile punta a far rinascere e valorizzare, non solo i più belli, ma tutti i borghi d’Italia, grazie ad un sistema unitario di gestione dei servizi e attività ma che garantisce l’indipendenza delle singole strutture che aderiscono a questa sorta di network. Oltre che per la comunità e per i viaggiatori interessati a questo tipo di turismo, quello dell’albergo diffuso è un modello che apporta grandi vantaggi anche ai proprietari: visibilità, valore della struttura e, ovviamente, visitatori.

Sei il proprietario o l’amministratore di una casa vacanze situata in uno dei borghi d’Italia? Raccontaci la tua esperienza!

Vuoi ricevere più prenotazioni dirette?

Zero costi di attivazione. Zero commissioni. Zero obblighi. Prova Lodgify gratis per 7 giorni.