Lettura:
Turismo enogastronomico: non spetta solo ad Airbnb creare esperienze

Turismo enogastronomico: non spetta solo ad Airbnb creare esperienze

Il food & wine tourism o turismo enogastronomico, che dir si voglia, rappresenta una delle eccellenze per cui l’Italia è famosa in tutto il mondo: molto spesso, tra le principali ragioni che spingono i turisti stranieri a visitare il nostro Paese, c’è proprio la voglia di scoprire la cultura alimentare delle diverse regioni.

Ma questa tendenza non riguarda solo i viaggiatori stranieri. Dal Rapporto sul Turismo Enogastronomico in Italia del 2019, pubblicato pochi giorni fa, emerge come quello del turismo dedicato al cibo e al vino, sia un trend in enorme crescita fra gli stessi italiani. Si stima che il 45% degli italiani negli ultimi tre anni abbia svolto un viaggio proprio con queste finalità, creando di fatto un vero e proprio segmento che i proprietari di case vacanze non possono lasciarsi scappare.

Le Esperienze enogastronomiche

Non è un caso che la maggior parte dei pacchetti Esperienze di Airbnb venduti in l’Italia siano a tema food & wine. E non solo: secondo i dati diffusi dalla stessa compagnia,  il nostro è il primo Paese in Europa e il secondo al mondo nell’acquisto di queste attività organizzate da host e comunità locali, e vendute assieme alla possibilità di soggiornare. Un dato su tutti:  il 60% dei ricavi generato dal mercato delle esperienze è riconducibile alle strutture che hanno offerto un’esperienza enogastronomica.

Non solo Airbnb

Ma la creazione di esperienze spetta solo ad Airbnb? Certo che no, anche i proprietari di agriturismi case vacanze, bed and breakfast possono, e dovrebbero, creare esperienze con la duplice finalità di rendere speciale l’esperienza degli ospiti e valorizzare il territorio e la propria attività.

Poter contare su un proprio sito web ben posizionato sui motori di ricerca, consente ai proprietari di poter creare offerte e pacchetti esperienziali ad hoc, avvantaggiandosi della maggiore flessibilità e libertà data proprio dal non dover dipendere da altre piattaforme.

Cosa puoi fare in qualità di proprietario indipendente di case vacanze

Se hai la fortuna di avere una struttura che da sola è in grado di offrire qualcosa in più del semplice pernottamento, sei già un passo avanti! Non sono poche infatti, le realtà che sul suolo italiano sono in grado di offrire esperienze uniche a tema culinario, senza la necessità di uscire dal perimetro della proprietà, vuoi perché situate nel cuore di una vigna o sorte all’interno dell’azienda di produzione agricola.

turismo enogastronomico

Ma se così non fosse non temere, qualunque sia la dimensione della tua casa vacanze e in qualunque zona essa si trovi, potrai sfruttare al meglio ciò che il tuo territorio offre e creare esperienze di viaggio indimenticabili per i tuoi ospiti. Ti diamo qualche idea!

Pacchetti stagionali o a tempo limitato

Se la tua località è celebre per una sagra o per un evento che si verifica solo in un determinato periodo dell’anno, avrai tutto il tempo per preparare sia il pacchetto esperienziale per i tuoi ospiti, che l’attività di promozione sul tuo sito e su tutti i tuoi canali.

Un esempio potrebbe essere il Carnevale, ormai alle porte, che in alcune località d’Italia come Venezia o Viareggio è un evento che richiama molti viaggiatori. I tuoi ospiti saranno contenti di essere guidati tra i luoghi più celebri per la produzione culinaria di questa festività: chiacchiere (o frappe), frittelle, cicerchiata…

Ma magari la tua casa vacanze si trova in una zona nota per l’abbondanza di tartufo e per le manifestazioni ad esso connesse. Potresti allora pensare di unire le forze e collaborare con associazioni locali ed organizzare delle dimostrazioni di ricerca di tartufi con i cani, per poi mettere a disposizione la cucina della tua proprietà e preparare ottimi piatti a base di questo ingrediente tanto prezioso quanto ricercato. Oppure potresti offrirti di accompagnare i tuoi ospiti ad acquistare i tartufi raccolti in zona nelle botteghe del territorio, così permetterai loro di tornare a casa con un souvenir a dir poco speciale.

Aderisci ad manifestazioni vinicole

Strade del Vino, Cantine Aperte, Vinitaly sono solo alcuni degli eventi enologici presenti ormai in tutta Italia. La tua casa si trova nella Valle del Chianti? In Francia Corta? Quale migliore occasione per cercare partnership e collaborazioni con aziende vinicole e enti che mirano a promuovere il turismo enologico. Negli ultimi anni la tendenza del settore vinicolo sembra voler sfatare il mito che le degustazioni siano solo per intenditori ed aprire ad un pubblico più ampio. Valuta di includere nelle tue offerte delle visite guidate alle aziende produttrici, escursioni alla scoperta dei differenti tipi di uva e, ovviamente, degustazioni!

Consiglio extra: non solo le cantine, ma anche i birrifici indipendenti stanno ricevendo sempre più visitatori incuriositi dal processo di produzione della birra artigianale e attratti dai mille sapori che si possono ottenere. Di sicuro ce n’è uno non molto lontano da casa tua!

Collabora con i laboratori artigianali

Un’attività che riscuote sempre molto successo, anche per chi viaggia con bambini, è quella delle visite ai laboratori o botteghe in cui vengono prodotti o elaborati prodotti tipici. Si tratta di esperienze divertenti, ma anche istruttive e che quasi sempre si concludono con la degustazione di quanto preparato o la possibilità di portarsi via un ricordo gustoso.

Qualche esempio? Se la tua casa si trova in Emilia Romagna potresti prendere accordi con una bottega di “sfogline” o un laboratorio di pasta fresca: i turisti, soprattutto stranieri, saranno entusiasti di imparare a fare i tortellini!

I forni o panifici sono sempre una buona idea per aggiungere quel tocco in più al soggiorno dei tuoi ospiti: il pane di Altamura o di Matera sono ormai famosi in tutto il mondo, ad esempio. Potresti pensare di organizzare dei workshop per chi è interessato alla preparazione di pane e lievitati.

Anche i caseifici sono soliti riscuotere molto successo per visite guidate e soprattutto per le degustazioni. Prima però, accertati che i tuoi potenziali ospiti non siano troppo sensibili agli odori forti!

Se invece punti ad attirare i visitatori più golosi, sicuramente un laboratorio per la produzione di cioccolato è un’ottima idea. Potresti non solo organizzare delle visite guidate con degustazione, ma anche prendere accordi per creare uno sconto sugli acquisti riservato a chi ha prenotato la tua casa vacanze. Consiglio: fai trovare ai tuoi ospiti qualche cioccolatino del produttore che hai scelto nella cesta di benvenuto, così sapranno già cosa li aspetta!

Attività all’aria aperta

Nonostante siamo ancora in pieno inverno, non è mai troppo presto per iniziare a pensare all’accoglienza che riserverai agli ospiti in arrivo nella bella stagione.

Organizzare delle attività all’aria aperta in cui il protagonista sia il cibo o un prodotto in particolare, può rivelarsi estremamente efficace ed economico allo stesso tempo.

Se sei disposto a lasciarti coinvolgere, o hai qualcuno di fiducia che possa farlo al tuo posto, e ad aprire le porte della cucina della tua proprietà, ci sono davvero molte cose che potresti fare.

Primavera ed estate sono stagioni che regalano diverse varietà di frutta. Mai pensato di organizzare delle escursioni per la raccolta di more, fragole, ciliege, mirtilli? Non solo i tuoi ospiti apprezzeranno le bellezze del tuo territorio, ma al rientro potranno cimentarsi nella preparazione di ottime marmellate con cui farcire dolci o da mettere in vasetti da portare via, in ricordo del loro soggiorno.

Lo stesso potrai fare con verdura. Se prevedi il pienone per Pasqua, potresti pensare di creare un pacchetto che preveda la tipica “scampagnata” del Lunedì di Pasqua, in cui i tuoi ospiti potranno raccogliere asparagi o altre verdure di campo da utilizzare per preparare il pranzo.

Non dimenticarti del marketing

La lista dei possibili suggerimenti su come creare esperienze a tema enogastornomico per gli ospiti della tua casa vacanze è potenzialmente infinito. Ma c’è un fattore che è sempre valido, qualunque sia la tua scelta: il marketing.

Sia che tu abbia un agriturismo con vigna annessa o che decida di creare collaborazioni con altre attività della tua zona, non tralasciarne la promozione sul tuo sito e sugli altri canali.

Quando decidi di creare un’offerta limitata per i tuoi ospiti o un pacchetto esclusivo, dopo averla annunciata sul tuo sito web, crea una newsletter dedicata da inviare alla tua lista di contatti o a chi ti ha fatto visita in passato. Magari aspettano proprio un input per tornare a farti visita!

Se si tratta di un’esperienza che hai già proposto in passato, condividi sul tuo profilo Facebook o nel feed di Instagram i ricordi dello scorso anno, davanti alle immagini di un successo i potenziali ospiti si convinceranno più facilmente. Se è la prima volta, invece, punta su una caption convincente e su delle immagini accattivanti, e mostra il “work in progress” nelle Instagram Stories: genererai molta curiosità.

Non dimenticare, infine, se scegli di intraprendere attività di cross promotion di assicurarti che le attività, negozi o aziende con cui collabori, inseriscano nei loro siti web o profili social una menzione alla tua casa vacanze completa di link al sito. E tu dovrai fare lo stesso ovviamente!

Vuoi ricevere più prenotazioni dirette?

Zero costi di attivazione. Zero commissioni. Zero obblighi. Prova Lodgify gratis per 7 giorni.